Risultati della ricerca

Risultati della ricerca per: pane

♡☆♡Pane a cassetta e panini morbidi♡☆♡

Pubblicato 30 novembre 2014 da Laura

Fare il pane e’ qualcosa di unico, mi piace prepararlo quando siamo tutti in casa, quando incomincia a far freddo e si sta bene al calduccio, allora si impasta la farina con il lievito e l’acqua, si attende la magia della lievitazione e quando tutto e’ pronto si inforna e in casa si sente quel bel profumino di pane appena sfornato, e’ da provare, il pane fatto in casa ha un sapore, un profumo e una consistenza invidiabile e poi, vuoi mettere la soddisfazione, e sopratutto, al mattino non uscite per comprarlo, in teoria dovrebbe essere cosi’! Allora,  vi scrivo la ricetta per farlo, e’ facile, io mi sono sempre trovata molto bene, il risultato e’ ottimo! Io, questa volta, ho usato, il lievito madre secco, ero troppo curiosa, l’ho trovato al supermercato, voi usate tranquillamente il lievito abituale, quello di birra in panetto oppure quello disidratato, il mastro fornaio per intenderci,  vedrete che bonta’. Gli ingredienti sono per circa nove panini, dipende dalla grandezza, e un pane a cassetta da mezzo kg, per lo stampo io ho utilizzato quello da plumcake. Ingredienti: 200 g di farina Manitoba, 180 g di farina macinata a pietra (la trovate al supermercato, e’ buonissima, il pane ha un profumo con questa miscela, se non la trovate utilizzate dei 500 g meta’ farina manitoba e meta’ farina 0) e 120 g di farina 0, se usate il lievito secco utilizzate una bustina che equivale a 35 g oppure il panetto di lievito di birra fresco 35 g oppure ancora quello disidratato da 7 g, 10 g di sale, un cucchiaino di zucchero io ho usato il miele, 2 cucchiai di olio d’oliva, 275-300 ml di acqua, dipende da come la farina assorbe l’acqua, regolatevi man mano lavorando l’impasto se usarla tutta. Per prima cosa setacciate le farine, poi aggiungete il lievito madre secco o quello che usate abitualmente (se usate il lievito di birra fresco prima di metterlo nell’impasto dovete prima scioglierlo in un po’ di acqua tiepida e un cucchiaino di zucchero), un cucchiaino di miele o zucchero, l’olio, il sale, aggiungete poco alla volta l’acqua tiepida. Io ho impastato tutto con l’impastatrice, ormai con lei faccio tutto, ma si puo’ tranquillamente impastare a mano, facendo la fontana e mettendo in mezzo tutti gli ingredienti, lavorate bene, fino ad ottenere un impasto bello morbido ed elastico! Fate il classico panetto141116_205705e mettete a lievitare al caldo, io vi consiglio di usare il forno spento. Quando e’ lievitato il doppio,141116_221920 ci vuole, in questa stagione, un oretta, anche un po’ di piu’,  prendete la palla lievitata e  fate con essa due giri, da una parte e dall’altra, senza lavorarla, dividete a meta’ la pasta e con una formate i panini, cosi’ come da foto, usate la teglia del forno, imburrata e infarinata oppure usate la carta forno,141123_233741 con l’altra mettete la mezza pasta lievitata nello stampo del plumcake imburrato e infarinato,   141123_233726Fate fare un altra lievitazione, un oretta, i panini devono crescere quasi al raddoppio, stessa cosa per il pane a cassetta. Passato il tempo della seconda lievitazione spennellate di olio 141123_234805e se vi piace mettete un pochino di sale grosso sopra, infornate a 180/200°,  forno caldo, i panini per circa 20 minuti, 141117_000455state attenti a non bruciarli sopra, il pane a cassetta cuoce per mezz’oretta, dipende sempre dal forno, 141117_002339mettetelo nella parte bassa del forno altrimenti si brucia sopra. Eccoli pronti da mangiare, 141117_000622io, in genere, li preparo alla sera, quando Chiara e’ a casa mi aiuta, ci divertiamo tantissimo, 141117_002317il fatto e’ che si sente il profumo, e’ pane appena sfornato caldo, 141124_004913e poi vuoi non assaggiare, 141124_005005poi sapete come succede, si sparge la voce, Laura sta facendo il pane, l’ha gia’ infornato, 😀141117_002509insomma, morale della favola, il pane finisce, la sera stessa, appena sfornato, tutti lo assaggiano ed io al mattino dopo, per il pranzo, devo uscire a comprarlo dal panettiere, 😀 😀 io natalizia ♡☆♡☆♡☆

Torta di pane.

Pubblicato 22 settembre 2014 da Laura

Ecco una ricetta molto buona e utilissima, la dedico all’autrice del blog ” personale femminile”, che questa primavera mi aveva chiesto una ricetta per riutilizzare il pane secco. La torta di pane è un prodotto da forno che ha, come ingredienti principali, pane raffermo e latte, mentre gli altri componenti variano da zona a zona, secondo la tradizione locale.
Per preparare la torta della valle di Vigezzo, si aggiungono uvetta, pinoli, vaniglia e zucchero; per preparare la torta di pane della Val Formazza, si uniscono uova, zucchero, cacao, pinoli e frutta disidratata, ad esempio mele, pere ed albicocche.
La torta di pane delle Valli Biellesi ha tre differenti ricette per quanto riguarda gli altri ingredienti: in una prima ricetta, si aggiungono uova, zucchero, zucchero vanigliato, cacao, burro fuso e uva sultanina; in una seconda uova, sale, burro e noci mentre, in una terza, amaretti, cacao, zucchero, uova, pere, limone, nèsciole dël pers (o màndorle dël pers, i semi racchiusi nel nocciolo) e burro. Ha abitualmente una forma rotonda, oppure rettangolare, un colore marroncino ed una consistenza morbida.  Se torniamo indietro nel tempo, dove non si buttava via niente, il pane si trasformava in un dolce facile da preparare ed in grado di cuocere nei forni delle stufe a legna. Si racconta che la torta venisse preparata dai pastori qualche giorno prima di lasciare gli alpeggi e scendere a valle per l’inverno, utilizzando tutti i vecchi tozzi di pane raffermo e gli avanzi che erano rimasti in credenza. Non esiste una vera documentazione al riguardo e la ricetta si tramanda da secoli di madre in figlia. (Queste informazioni le ho trovate nel sito Piemonte Agri). La torta di pane e’ un dolce tipicamente invernale ma si puo’ anche preparare in altre stagioni, con gli ingredienti di stagione, io per esempio l’ho preparata anche con le fragole, buonissima! Mia mamma la preparava con gli amaretti e il cacao e la faceva quadrata, poi la tagliava a piccoli quadratini mentre mia suocera la preparava  con del liquore dolce, non ricordo bene cosa fosse, so che era buono 🙂 e con l’uvetta e le noci, era alta, rotonda, sofficissima e la cuoceva nella stufa a legna. C’e’ anche la ricetta dove si aggiungono pezzi di cioccolata e amaretti, vi assicuro che anche se e’ una torta fatta con gli avanzi del pane e’ una vera goduria!!! Quella che ho preparato e’ con le mele, a noi piace tantissimo, potete aggiungere altra frutta che preferite, viene morbidissima proprio per la presenza della frutta  e vi assicuro che non ne avanzera’ neanche un pezzetto!! 🙂  Ingredienti:
una noce di burro
, un bicchierino di grappa o rum o anche un liquore dolce non troppo alcolico sopratutto se avete dei bimbi, 🙂 , un litro di latte, 3oo g di pane raffermo, un cucchiaio di pangrattato, 2 uova, 3 mele tagliate a fettine e bagnate con il limone per non farle scurire, 150 g di zucchero. Ecco come fare:  mettete in un contenitore il pane raffermo e ricopritelo con il latte, aggiungendo una mela tagliata a pezzetti. Lasciate ammorbidire per almeno 12 ore. Sbriciolate ora il pane , risultera’ un po’ spappolato, 😀 e amalgamate al composto le uova e il bicchierino di liquore che avete scelto. Disponete il tutto in una tortiera imburrata e cosparsa di zucchero, dispone sopra le fette di mele.  Infornate a 180°C per circa 45 minuti, se vedete che dopo mezz’oretta tende a scurirsi appoggiate un foglio di stagnola sopra.  Eccola,140920_161744 e’ buonissima!!! 140920_161811Potete naturalmente usare l’uvetta al posto delle mele, provate con le pere, usate le noci, i pinoli, la frutta disidratata, io ho provato con le albicocche, fantastica, insomma a voi la fantasia, se la volete colorata aggiungete all’impasto dell’ammollo del pane nel latte due cucchiai di cacao, vi ritroverete una bella torta di pane scura, color cioccolato, ottima e molto buona! 🙂


Il pane a fisarmonica farcito.

Pubblicato 28 aprile 2012 da Laura

Ho visto preparare questo pane farcito da Natalia Cattelani alla prova del cuoco, mi e’ subito piaciuto, adoro impastare e questo pane con il ripieno e’ finito subito a casa mia. Lo rifaro’ con altre farciture, io per questo di oggi ho usato un salame morbido molto buono ma non e’ il marchigiano che ha usato Natalia, non saprei dove trovarlo, forse in qualche negozio particolare di salumi. Mi e’ venuto comunque molto buono, sono anche andata nel blog di questa bravissima mamma, e’ bellissimo, e stupende sono le sue bimbe, quattro meraviglie….ma ecco la sua ricetta e qua trovate il suo blog.

Ingredienti

500 di farina, 20 di lievito di birra, 1 uovo , 250 ml di acqua, 2 cucchiai di olio evo, 2 cucchiaini di sale fino, 1 cucchiaino di zucchero, 150 g di pecorino non stagionato,150 g di ciauscolo (salame morbido marchigiano).

Ecco come fare

Mettete in una ciotola 500 gr di farina 00, poi il lievito di birra fatto sciogliere in poca acqua tiepida con un cucchiaino di zucchero, un uovo in modo che l’impasto rimanga soffice, il sale non a contatto con il lievito,impastate bene, poi coprite con un canovaccio e fate lievitare fino al raddoppio, piu’ o meno due orette. Stendete l’impasto lievitato a rettangoli e spennelare una parte con l’olio e farcire con il pecorino tagliato a dadini e il salame a pezzetti, chiudete e spennellate anche all’esterno con l’olio, poi tagliate la pasta farcita a piccole tasche della grandezza del plumcake,

e mettetele in fila nello stampo. Fate ancora riposare per 20 minuti e poi infornate a 180° per 40 minuti. Io l’ho lasciato un po’ di piu’,dipende dal forno, e’ molto buono, soffice,  da provare a rifare con altre farciture, per esempio mozzarella e prosciutto, io dico che viene buonissimo !!!

Cestino di pane.

Pubblicato 30 marzo 2012 da Laura

 Ieri alla prova del cuoco le sorelle Landra, che simpatiche, hanno fatto un cestino di pane, ma che bello, serviva per poi contenere la pasta con le verdure, molto carino davvero. Oggi ho pensato di farlo anche io, sara’ un idea per Pasqua, l’ho fatto piu’ piccolo e piu’ alto, intrecciato e serve poi a contenere i panini che ho fatto con gli avanzi del cestino. E’ davvero una bella idea, mi piace tantissimo preparare il pane, sto raccogliendo i punti della spesa per poi prendere la macchina del pane, penso sia utilissima e comoda anche se adoro avere le mani in pasta! Ecco la ricetta per preparare il cestino: per la pasta di pane potete usare quella che usate di solito per preparare i panini, io ho usato un kilo di farina, 500 ml di acqua tiepida, un cubetto di lievito di birra (25 g) e 15 g di sale fino, poi per fare la forma e intrecciare la pasta usate uno stampo ricoperto dalla carta alluminio. Adesso fate cosi’….impastate tutti gli ingredienti, mettendo la farina a fontana sulla spianatoia, poi mettete il lievito sciolto in poca acqua tiepida e impastate; ricordatevi di mettere il sale ai bordi, non deve venire a contatto con il lievito perche’ altrimenti l’impasto potrebbe non avere una giusta lievitazione. Lavorate bene e fate poi lievitare, deve raddoppiare, ci vuole un oretta. Poi tagliate 10 pezzi di pasta da circa 70 gr piu’ o meno, direi meno…se li fate troppo grossi, lievitando un altra volta non vengono i buchi nel cestino, a me e’ venuto bene cosi’.…fate 8 rotolini e incrociateli cosi’.…una volta sotto e una volta sopra girando intorno allo stampo. Gli altri due rotolini girateli intorno al cestino….poi prendete altri tre pezzi di pasta e fate altri rotolini e intrecciateli e finite il cestino cosi’….tagliando i rotolini piu’ lunghi.Fate lievitare ancora 20 minuti e poi infornate per 40 minuti a 180 gradi. Per fare la base piatta del cestino mettete una teglia vuota sopra la cima e toglietela 20 minuti prima della fine di cottura. E’troppo carino, ho avanzato della pasta e ho fatto i panini da metterci dentro, guardate che belli ….mi hanno fatto i complimenti, sia per la simpatica idea che per il pane buonissimo. Si mangia il contenitore e il contenuto..…ehhhh!!!L’aiuto per questo cestino l’ho trovata nel blog la cuoca felice, bravissima lei e bellissimo il suo cestino!!!!Ho letto che si puo’ tenere il cestino per molto tempo, se si vuole, ma io preferisco mangiarlo!!!!

Sfoglie di pane.

Pubblicato 10 marzo 2012 da Laura

 
Le sfoglie di pane piacciono tantissimo a Kiara e anche a suo padre, le ho preparate l’altra sera e le hanno mangiate tutte, sono leggere e si gustano cosi’ o con gli affettati, stasera le preparo di nuovo. Ci vuole solo un po’ di pazienza nel cuocerle perche’ non si possono mettere tutte in una volta in forno. Bisogna stare attenti che non bruciano, ci vuole piu’ o meno 5 minuti di cottura girandole per cuocerle al meglio.
Ingredienti:

400  g di farina tipo 0

1 bustina di lievito di birra secco attivo

1 cucchiaino abbondante di sale

250-280 ml di acqua tiepida

Ora fate cosi…..setacciate la farina in una terrina larga e mescolatevi il lievito di birra secco attivo. Al centro, mettete il sale e cominciate ad amalgamare il tutto con una forchetta, versate poco alla volta l’acqua tiepida. Prendete poi l’impasto e lavoratelo sulla spianatoia infarinata per almeno 10 minuti fino al completo assorbimento dell’acqua.

Rimettete l’impasto nella terrina infarinata, coprite con un canovaccio e fate lievitare fino al raddoppio.Trascorso il tempo, dividete l’impasto in otto palline. Con il mattarello stendete le palline continuando a infarinare entrambi i lati, fino a ottenere un disco sottile del diametro di circa 30 cm. Cuocete a forno preriscaldato 230°C per 2-3 minuti per lato, dipende dal forno, io le ho cotte per 5 minuti girandole due volte. Sono buonissime, ecco quello che mi e’ rimasto....una meta’ almeno per fare la foto!!!!


Pane all’olio.

Pubblicato 20 febbraio 2012 da Laura

Questo slideshow richiede JavaScript.

La ricetta e’ di Gabriele Bonci, naturalmente, ho visto la prova del cuoco e ho voluto provare a farli, sono venuti soffici e talmente buoni, un impasto cosi’morbido e un risultato eccellente. Ecco come fare:

Per gli ingredienti ci vuole 1 kg di farina tipo 0, 550 gr di acqua, 7 gr di lievito secco in polvere, 20 gr di zucchero e un goccio di olio. Impastare tutto dentro una terrina fino a formare una palla molliccia e appiccicosa, poi con la farina sia nelle mani che nella spianatoia fare delle pieghe di rinforzo, nel senso che non bisogna lavorare troppo l’impasto perche’ e’ gia’ morbido di suo, basta prendere la pasta ai lati e fare delle semplici pieghe. Poi far lievitare la pasta per 5-6 ore. Passato questo tempo formare i panini come piu’ vi piace. Metterli sulla teglia con carta forno e lasciarli ancora lievitare per un oretta. Passato il tempo scaldare il forno alla massima temperatura e quando inforniamo abbassiamo il forno a 180° e li facciamo cuocere per 25 minuti. Sono ottimi questi panini, con i salumi non vi dico………

Pane arabo.

Pubblicato 11 dicembre 2011 da Laura

Se c’e una cosa che adoro fare e’ il pane, mi piace quella magia del lievito, il profumo che lascia in casa quando e’ appena sfornato e mangiarlo ancora caldo. Ho provato a fare il pane arabo per servirlo poi alla sera per cena con tanti affettati, salame, prosciutto cotto, prosciutto crudo, mortadella …..che buono!!!! Provate a farlo e’ semplicissimo, io l’ho cotto in forno ma si puo’ anche cuocerlo in padella senza olio omettendo il lievito, viene tipo una piadina un po’ cicciotta, in forno comunque lo preferisco.

Ecco la ricetta. 

Ingredienti : 500 g di farina 00, 2 cucchiaini di sale, una bustina di lievito secco da 7 g, se preferite il cubetto di lievito di birra va bene lo stesso, 250 g di acqua tiepida e olio extravergine di oliva. Fate cosi’….se usate il lievito di birra scioglietelo in un po’ di acqua tiepida con un cucchiaino di  zucchero, poi unitelo alla farina in una ciotola e mescolate aggiungendo l’altra acqua e poi  il sale. Se usate il lievito secco mettete tutto dentro la ciotola, per ultimo sempre il sale, e mescolate bene fino ad ottenere un bell’impasto, mettete dopo l’olio e lasciate lievitare per due ore coprendo la ciotola con un telo. Non deve lievitare tanto. Poi mettete l’impasto nella spianatoia e con le mani unte di olio formate i panini un po’ appiattiti, l’impasto sara’ un po’ molle ma si lavora facilmente, al limite mettete dell’olio sull’ asse di lavoro per facilitarvi questa operazione. Mettete i panini cosi’ ottenuti sulla placca del forno senz’olio, mettete della carta forno o alluminio e fate lievitare ancora mezz’oretta. Cuocerli in forno a 220 gradi per 20 minuti..sono vuoti dentro, croccanti sopra e morbidi sotto, favolosi, con gli affettati non vi dico!!!!!!

Pane polka….francese.

Pubblicato 13 marzo 2011 da Laura

Fare il pane mi piace tantissimo e quando trovo nuove ricette e modi di prepararlo provo a impastare e devo dire che questo pane francese e’ buonissimo, l’ unica difficolta,’ se cosi’ si puo’ dire sono i tempi di lievitazione ma basta preparare l’impasto alla sera e lasciar lievitare tutta la notte. Eccovi la ricetta che ho trovato navigando nel web, in questo stupendo blog, profumi e colori….

Per l’ impasto da lasciar tutta la notte

7 gr di lievito…io ho usato il panetto da 25 gr che equivale ai 7 gr della bustina..
120gr acqua
115gr farina 0…ho usato la manitoba

Sciogliere il lievito nell’acqua tiepida e poi aggiungere la farina mescolando bene e fare un impasto morbido…..aggiungete due cucchiaini di zucchero….poi lasciate lievitare coperto con pellicola trasparente oliata per tutta la notte, e’ un impasto molliccio ma va bene!!!
Il giorno dopo, io ho fatto tutto al mattino per poi avere la pagnotta a mezzogiorno.

7gr di lievito
280gr acqua tiepida
450gr farina 0
10gr sale
Ora….sciogliere nell’acqua tiepida il lievito e poi l’impasto del giorno prima  e impastare bene per sciogliere la pasta. Unire gradatamente la farina e il sale, mescolare e lavorare bene l’impasto un po’ sulla spianatoia infarinata fino a quando l’impasto sarà bello liscio ed elastico, quindi fare una palla e metterlo in una ciotola unta d’olio e coperta con pellicola leggermente oliata e lasciare lievitare al caldo un paio d’ore o fino al raddoppio. Poi mettete l’impasto sulla spianatoia infarinata e formare una bella palla che metterete sulla teglia del forno infarinata. Coprire ancora con pellicola leggermente unta e lasciare lievitare al caldo circa un ora o fino a quando sarà quasi raddoppiato di dimensioni.
Togliere la pellicola  e con un coltello affilato fare dei tagli ad x a distanza regolare e alla stessa profondità. Ecco cosi’ come ho fatto io….poi lasciare riposare ancora per 10 minuti e nel frattempo riscaldare il forno a 230°  poi infornare e cuocere il pane per circa 25-30 minuti, mettete nel forno un padellino con dell’acqua, lasciate cuocere fino a doraturae’ buonissimo!!!!!!!!!!!
Mio marito mi ha detto se lo faccio di nuovo….questo e’ subito sparito..ihhhh!!!!

Pane bianco a bauletto.

Pubblicato 26 ottobre 2010 da Laura

Stamattina ho provato a fare il pane come quello del Mulino B. …io lo compro spesso per fare le tartine o anche solo per tenere del pane in dispensa se dovesse mancarmi. Devo dire che a me piace tantissimo l’ impasto del pane, lo faccio spesso e appena ne ho l’occasione provo cose nuove come questo pane fatto nello stampo del plum cake!!! Mi e’ venuto buonissimo e lo rifaro’ senz’ altro, La ricetta l’ho presa dal libretto del Pane appunto del Mulino B……come ho questo libro..non lo so, penso che me l’ hanno mandato, non ricordo, e’ interessantissimo, ci sono tante ricette con i pani gia’ pronti e ricette per farli!!!!! Ecco le dosi e come fare, molto semplice!!!

Ingredienti: 450 gr di farina bianca tipo 0

30 gr di lievito di birra secco……….io ho usato il panetto da 25 gr di lievito fresco

230 di acqua tiepida

15 gr di burro

Fate cosi’……….Sciogliere il lievito se usate quello fresco in poca acqua tiepida con lo zucchero, un cucchiaino, poi mescolate e fate con la farina la fontana versatevi il lievito sciolto il burro, il sale all’esterno, poi poco alla volta mettete l’acqua tiepida e mescolate bene fino ad avere un composto umido e granuloso.  Continuate a lavorare la pasta finche’ non diventa liscia ma sempre piuttosto appiccicosa, lavorate per 10 minuti, poi mettete l’impasto in una terrina copritela con un telo e fate lievitare fino al raddoppio. Ci vuole piu’ o meno un oretta, io ho messo la terrina nel forno spento.  Poi rilavorate l’impasto e mettetelo ripiegato su se stesso nello stampo del plumcake infarinato ….lasciate lievitare ancora per 15 minuti poi con un coltello fate dei tagli obliqui sulla superficie. Mettete in forno a 220 gradi per 30 minuti…………..viene una meraviglia, provate a farlo!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

Buono!!!

Il pane che si scongela da solo!

Pubblicato 14 giugno 2009 da Laura
Mi impegno molto nelle cose che faccio, mi piace cucinare, cerco sempre di metterci del mio, a volte riesco a fare delle cosine buone con gli ingredienti  che ho nel frigo e nella dispensa e mi riescono piuttosto bene! Ma purtroppo mi dimentico sempre di…………….scongelare il pane! Ovviamente per la domenica devo congelarlo per mangiarlo poi fresco a meno che non compro il pane toscano oppure puo’ succedere, ma questo succede d’inverno o insomma quando fa fresco, che mi cimento a fare l’impasto del pane per poi infornare panini o pagnottelle o anche la focaccia gustosa e quindi nessuno si lamenta! Stasera stavo chiaccherando a tavola con mio padre, mio fratello e mio marito, e ci troviamo tutti d’accordo sul pane che stiamo mangiando, tipo toscano, la panettiera lo fa molto buono, al che tra,un discorso e l’altro, io dico: "sono contenta di aver comprato questo tipo di pane e di essermi fidata di Jessica, la panettiera, e’ proprio buono!" Mi guardano, i lupi affamati, e mio marito dice: "dovresti chiedere a Jessica se esiste il pane che si scongela da solo!!!!!!" Ahahahahahha!
Ma daiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiii! Non mi capita sempre di scordarmi il pane in freezer! Uffffffaaaaaaaaaaaaaa!!!!Ahaahahahhahaah! Beh scrivo la ricetta per domani, ho la pasta tipo pennoni,non grande da fare ripiena, ho le salsiccie e quindi ho trovato una ricettina, mmmmmmmbonta’! Ho fatto qualche modifica, c’erano troppe cose, cosi’ e’ piu’ semplice, gustosa e non troppo ricca, la salsiccia fa gia’ del suo!

Pasta con patate e salsiccia

  • 100 g di salsiccia
  • 1 rametto di rosmarino
  • 2 foglie di salvia
  • 1 piccola cipolla bionda
  • 1 cucchiaio d’olio ex
  • 1 patata da 150 g circa
  • sale
  • 150 g di pasta
  • pepe

PREPARAZIONE

  • Togliere il budellino della salsiccia e spezzettarla, lavare
    il rosmarino e le foglie di salvia.
    Tritare il tutto finemente con la mezzaluna su un tagliere.
  • Pulire la cipolla.
  • Mettere
    in una padella l’olio, la cipolla. Accendere il
    fuoco e farla dorare a fiamma media finchè non sarà bella lucida.
    Aggiungere un paio di cucchiai di brodo, se lo avete, altrimenti va bene anche acqua tiepida e farla stufare per 4-5 minuti.
  • Alzare
    la fiamma, unire la salsiccia e farla rosolare girando spesso con un
    cucchiaio di legno finchè non avrà preso colore. Unire quindi un
    cucchiaino di trito e mescolare accuratamente. Poi spegnete il fuoco.
  • Lavare la patata, sbucciarla e tagliarla a cubetti.
  • Portare a bollore abbondante acqua, salarla e buttarvi le patate assieme alla pasta.
  • Un minuto prima di scolare la pasta accendere il fuoco sotto la padella del condimento.
  • Saltare
    la pasta scolata assieme alle patate nella padella del condimento a
    fiamma vivace per qualche minuto, girando di frequente.
  • Servire immediatamente cospargendo con un’abbondante macinata di pepe ed il trito di rosmarino e salvia rimasto. Che ne dite, bonta’! La pasta fatta cosi’ e tanta frutta, pranzo super ok!Mi piace l’estate!


PalaSport

Lo sport secondo me

Un Dente di Leone

La quinta età: un soffio di vento sul dente di leone

arthur_photo...

* Chiddu chi ccunta, ‘un si pò mai vidiri! *

i discutibili

perpetual beta

Il Blog di Silvia Cavalieri

Uno spazio creativo per la scrittura

Pensieri Scritti - l'essenza - io esisto

- Si crea ciò che il cuore pensa - @ElyGioia

wwayne

Just another WordPress.com site

Le mille curiosità

Imparare cose nuove è bello, trasmettere ciò che si ha imparato lo è ancora di più

Il fondo e il barile

...e nel raschiare

I miei borghi

I borghi italiani in mostra

The Style League

Follow me if you want to understand fashion

NORBERT WEBER (GERMANY)

PERSONALTRAINING

angolo del pensiero sparso

voli pindarici sulla caleidoscopica umanità

HenryGuitarMan

"Never say never. Because limits, like fears, are often just an illusion" (Michael Jordan)

"KITCHEN & CLUE"

"Ho dei gusti semplicissimi, mi accontento sempre del meglio" O. Wilde

Lo gnomo di crema

Viaggiatrice curiosa alla ricerca di nuove idee per i miei piatti👩🏼‍🍳🍽 Ho due compagne di viaggio speciali... una è molto pelosa, l’altra meno🤣❤️e insieme siamo le Morgans!!⛵️🐾

Dentro l'ombra al ombrico non resta che lombrire

Invasate a prescindere, quando non trapiantate. Di piante, giardini, terrazze, buazze.

la cucina chimica

ricette, chimica, alimentazione, nutrizione

artismylife

art is emotions, art is love, art is ME

I love books

books are life

Aprendiendo a vivir.

No todo es improvisado

Sogni e realtà

i sogni sono una realtà alternativa

Schnippelboy

Ein Tagebuch unserer Alltagsküche-Leicht nachkochbar

Master Mix Movies

One Movie at a Time

BallesWorld

Gesundheit - Rezepte - Reisen

sunflowersdolleyesvibes

Segui sempre il tuo istinto!

imaginecontinua

Lumea de altadata si cea de azi.....

Una lettrice bionda

Books and LifeStyle

Diario di Petra

"La bellezza salverà il mondo" (Dostoevskij)

Elisa Falciori

attimi imperfetti

LeggimiScrivimi il Blog di Tricoli Sara

Libertà è la parola chiave: libertà di scrivere - libertà di leggere - libertà di essere

shivashishspeaks

#Snippets,#tech updates,#poetry

Etiliyle © -poetry and photography ™

Etiliyle © - la poesia in una fotografia ™

Sunday mood

·Don't look back. You are not going that way·

unbelsorrisodallitalia.wordpress.com/

意大利旅居記事簿:來自意國的微笑 by Scarlett To

da Zero a Infinito

Le infinite potenzialità della vita

....e adesso la pubblicita'

La vita e' un carosello

Dream Aloud

"Le idee migliori non vengono dalla ragione, ma da una lucida visionaria follia" - Erasmo da Rotterdam

SCOPIC IMPULSE

Art and Visual Culture

Charme Haut®

Moda - Beleza - Glamour - Luxo

Mirtillamalcontentabook

Se accanto alla libreria hai un giardino, allora non ti mancherà nulla! -M. Tullio Cicerone

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: