Timballini di riso e formaggio.

Con questo freddo sto cucinando primi e pietanze sostanziose, ieri ho fatto lo spezzatino, qua la ricetta..spezzatino con le patateci vuole cibo che scalda,  poi se e’ gustoso… come questi timballi mono porzione, molto carini da servire e tanto buoni!!!!Guardate come fila il formaggio, io ne ho mangiati tre, mi piace troppo il riso cosi’ preparato. La ricetta e’ semplice e la cottura molto piu’ veloce del timballo di riso classico. Ho usato la provola affumicata buonissima, potete anche usare altro formaggio o la mozzarella, va bene tutto, sono troppo buoni!!!! La ricetta…..ingredienti…300 gr di riso, 1 uovo, grana grattuggiato, 150 g di provola affumicata o altro formaggio, prosciutto cotto tagliato a dadini, una confezione, altrimenti tagliatelo voi da una fetta unica, pangrattato, burro, besciamella, uno scalogno e sale.  Ora fate cosi..fate cuocere il riso al dente poi conditelo con il burro, l’uovo e il pamigiano reggiano. Preparate la besciamella con burro,  latte e farina, tagliate a dadini la provola e il prosciutto e fateli appena rosolare con lo scalogno in un padellino, aggiungete la besciamella, due cucchiai,  fuori dal fuoco e mescolate bene. Imburrate gli stampini mono porzione e mettete il pangrattato, poi mettete il riso che avrete ancora mescolato, se serve mettete un po’ di besciamella per renderlo piu’ morbido, mettete il riso negli stampini schiacciando un po’, poi mettete la provola e il prosciutto preparato prima, mettete altra besciamella e poi ancora riso, infornate in forno caldo per 15/20 minuti. Capovolgete i timballini in piatti da portata e servire, sono veramente buoni!!!! Relax con Willy!!

Annunci

2 thoughts on “Timballini di riso e formaggio.

  1. Il riso alla pilota, è un tradizionale piatto popolare mantovano, caposaldo della cucina locale, che deve il suo nome agli operai che erano addetti alla pilatura del riso, chiamati appunto “piloti”. La pila era un grande mortaio azionato a mano, dove il riso veniva depurato, e i suoi operai, specializzati nella preparazione di questo piatto, ne erano accaniti consumatori.
    La particolarità di questo pietanza è la sua cottura, che è tutta giocata sulla giusta proporzione tra acqua e riso, sui tempi di cottura, sull’uso del coperchio e su un preciso tempo di riposo a fuoco spento. Il risultato finale è un risotto che non si presenta cremoso ma asciutto e soprattutto “sgranato”.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...